quarta-feira, 12 de março de 2014

Il Carosello

Fernando era un bambino di una famiglia molto umile, con grandi difficoltà, poichè a casa sua molte volte mancava anche da mangiare....

Ma Fernando possedeva un buon cuore, era allegro e disponibile, e divideva con tutti il poco che aveva.

Lui era addetto alle consegne di un negozio il cui principale decise di aiutarlo, pur di non vederlo vagare per le strade. In verità, la sua paga era davvero molto bassa, si limitava alle mance che le persone di buone volontà gli davano per il suo aiuto.
 Un giorno, mentre tornava a casa - quel giorno aveva ricevuto appena alcune monete, - era già quasi sera quando, passando di fronte alla bellissima vetrina di una pasticceria, si fermò e si mise a guardare gli invitanti dolci esposti. 


Sentendo un profondo respiro, si girò e vide una ragazzina che si trovava accanto a lui con gli occhi spalancati i quali fissavano un’enorme fetta di torta ricoperta di cioccolato.



La bambina era mal vestita e aveva un aspetto pallido e malato, come di chi non mangiava da molte ore.

Dispiaciuto dall'espressione della ragazzina, Fernando le domandò:

 - Hai fame?

Lei fece cenno di si con la testa, senza togliere lo sguardo dalla torta.

Fernando mise una mano in tasca controllando il misero guadagno della giornata... Anche lui aveva fame. Ma certamente, a casa, sua mamma lo aspettava con un piatto di minestra caldo ed un pezzo di pane.

Certamente a Fernando, con i soldi che si era guadagnato con tanto sudore sarebbe piaciuto comprare qualcosa per sè stesso, ma quella piccola sembrava avere davvero fame!




Si decise, entrò nella pasticceria, comprò il pezzo di torta con tanto orgoglio per averlo pagato con i suoi soldi, e lo offrì alla bambina con un grande sorriso.
Lo sguardo di allegria della bambina fu sufficiente per ricompensarlo.
           
Soddisfatto, riprese la strada. Vicino a casa, vide le luci di un parco dei divertimenti che avevano montato quel giorno stesso.

La musica, le luci e il movimento delle persone avevano attirato l’attenzione di  Fernando. Il parco dei divertimenti, con le giostre e la musica, gli piaceva molto. Gli piaceva soprattutto il Carosello con i cavalli che salivano e scendevano, girando al ritmo di una musica che lo incantava.
Fernando si fermò a guardare. Come gli sarebbe piaciuto salire sul Carosello! Ma purtroppo non aveva più monete.



Il prezzo dell’ingresso per un giro nel Carosello era lo stesso che aveva speso comprando la fetta di torta per quella bambina. Se non avesse comprato la torta, in questo momento avrebbe avuto ancora i soldi per farsi un giro sulla giostra.
Si ricordò però della faccina sporca ma soddisfatta della bambina e allontanò il pensiero egoista dalla sua testa.

“Non c’è problema!” - pensò - “Mamma mi dice sempre che di tutto quello che facciamo agli altri, Dio ce ne darà il doppio. Per cui ho investito bene i miei soldini! 

In quel momento si accorse di un bambino molto ben vestito di fianco a lui, che si leccava un gelato. Vedendo che Fernando guardava la giostra, gli chiese:

- Vuoi fare un giro nel Carosello?

- Vorrei, ma non ho i soldi. - rispose.

Il ragazzo gli stese la mano con indifferenza e gli diede 2 biglietti:

- Prendi!

- Ma non so come ripagarti! - balbettò Fernando.

- Non importa, io sono già stufo di questi giochi. Mio papà è il padrone di questo parco e ho sempre tutti i biglietti che voglio! -

Ringraziando, Fernando guardò i biglietti con gli occhi lucidi, e intanto diceva a sè stesso:

- Mia mamma aveva ragione! Lo sapevo che Dio mi avrebbe retribuito, ma non pensavo lo facesse così in fretta!... -
                                                        


Zia Célia

<< Home                     << Italiano - archivi